Enogastronomia lucerina

 

agriturismo-in-puglia-big.jpgNumerose sono le aziende artigianali della lavorazione del pane e dei taralli: il prodotto tipico da forno lucerino è il pane di Lucera, a lievitazione naturale e lavorazione manuale.La produzione del vino offre, tra gli altri, il famoso “Cacc’ e Mmitte’”, dal gusto corposo. Prodotto esclusivamente nella variante rosso, deve il suo nome dialettale all’antica procedura di vinificazione: i proprietari delle tipiche masserie provviste di vasche per la pigiatura dell’uva davano in affitto le attrezzature per la vinificazione e le operazioni dovevano terminare entro la giornata di fitto per lasciare libere le attrezzature all’utilizzatore successivo. Pertanto un affittuario toglieva il mosto appena prodotto dalle vasche della tenuta (“cacce”) per portarlo nelle proprie cantine, e un nuovo affittuario versava nelle vasche (“mmitte”) la propria uva da pigiare.

Il vino si ottiene principalmente utilizzando uve Nero di Troia e, in quantità inferiori, Montepulciano, Sangiovese e Malvasia nera. È ammessa una piccola percentuale di blend con uve a bacca bianca e specificatamente Trebbiano, Bombino bianco e Malvasia bianca.
Si serve idealmente a 18 gradi all’interno di calici tulipano slanciato: è un vino adatto a un pranzo completo, alla carne, agli insaccati e alla pasta al ragù.
Un altro vino degno di nota è il “Cioccarello”, rosato dal caratteristico colore “rosa cipolla” che in controluce mostra dei bei riflessi violacei. Notevole anche il profumo, fruttato intenso e persistente con ottimi sentori di fragola e di ribes. Al palato il Cioccarello è fresco, asciutto, rotondo, armonico con una leggera vena acidula che lo rende ancora più gradevole, oltre che adatto per accompagnare antipasti sia di mare che all’italiana, minestre con sughi leggeri oppure con legumi e grigliate di pesce. Va servito abbastanza fresco.

La città è inserita nella Strada dei vini doc della Daunia, ed ogni anno in agosto la manifestazione “Calici di Stelle” propone degustazioni nelle vie del Centro Storico.Negli ultimi anni alcune aziende locali hanno intrapreso la strada del biologico, con prodotti tradizionali tipici da agricoltura biologica, tra cui conserve vegetali, prodotti caseari, olive ecc. Da una recente iniziativa imprenditoriale è sorta una torrefazione di caffè, mentre già da anni è presente sul territorio la produzione di salumi tipici.

La pasta fresca – orecchiette, troccoli, cavatelli ecc- ed i prodotti caseari – mozzarelle, caciocavallo, scamorze ecc.- possono essere gustati in molti ristoranti tipici o acquistate nei vari punti vendita.

orecchiette.jpgLe “orecchiette” sono il piatto tipico di Lucera e della Puglia in generale; si tratta di una pasta fresca fatta in casa con farina e uova. Si può mangiare in svariati modi, per esempio al sugo (ragù), con la ricotta dura, con la rucola (“cicatill ca ruchél du castill”), con le cime di rapa. Quest’ultimo piatto, le orecchiette con le cime di rapa, è un piatto tipico della Puglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...