Corteo Storico

 

galleria_196_2g.jpg

Tanta partecipazione e festa e poi colori, quelli dei costumi dei figuranti e dei gonfaloni, spettacoli, gare, danze, giochi e il gruppo di sbandieratori e musici. Tutto questo è il corteo storico di Lucera che si svolge ogni anno, dal 1983, evolvendosi nel tempo, tra l’entusiasmo di migliaia di persone accorse a mirarlo.

La manifestazione rievoca sempre uno dei due periodi storici particolarmente intensi e ricchi di avvenimenti rilevanti per la Città di Lucera: il primo risale alla prima metà del XIII secolo in cui la città visse l’esperienza sveva con Federico II e la colonia musulmana da lui trasferita a Lucera dalla Sicilia, infatti Lūshīra conobbe in quel periodo una notevole fioritura, tanto che ben presto venne paragonata, dai viaggiatori e dagli storici musulmani di allora, alla Cordova degli emiri e dei califfi omayyedi; mentre, nel 1300, una volta sconfitti gli Svevi con la “crociata angioina” guidata da Carlo II d’Angiò, gli Angioini vollero riaffermare il proprio dominio nominando Lucera “Città di Santa Maria”, divenuta da allora patrona della città, distruggendo numerose testimonianze del periodo precedente e sostituendole con espressioni di carattere monumentale che ancora oggi costituiscono gioielli storico-artistici della città (la Cattedrale, la Chiesa di San Francesco, la cinta muraria della Fortezza ecc.).

Durante il Corteo Storico sfilano oltre 200 personaggi in costume d’epoca per rivivere questo importante momento storico: dame, cavalieri, sbandieratori, musici, e numerosi altri figuranti in abiti d’epoca sfilano dal Castello per le vie della città fino a giungere in pieno centro, dove si svolge la seconda parte della manifestazione: in Piazza Duomo, ai piedi della Cattedrale, nel caso della rievocazione del periodo angioino, giungono il re Carlo II d’Angiò e il vescovo che impartiscono la benedizione alle contrade e ai contradaioli che si sfideranno nel tiro alla fune. Un rito che ogni anno si allunga all’edizione successiva, poiché la contrada che vince tra le cinque rappresentative di altrettanti rioni della antica città (Porta Troia, Porta Foggia, Porta Albana, Porta San Giacomo e Porta San Severo), aprirà col suo gonfalone i giochi dell’anno seguente.

Il Corteo si svolge nella seconda settimana di agosto -la data può variare- ed è una delle manifestazioni più conosciute a livello regionale e più seguite della provincia di Foggia.

Annunci